/ita/ - Sezione Italiana

Lupi Italiani, Memi Ilari, Ritratti di Rita Ciano

Disappearing posts should be fixed. Let me know if the issue persists on irc.rizon.net @ #julayworld.


Warrant canary has FINALLY been updated.


Roadmap: file restoration script within a few days, Final Solution alpha in a couple weeks.

Sorry for not being around for so long, will start getting back to it soon.

Max message length: 6144

Drag files to upload or
click here to select them

Maximum 5 files / Maximum size: 20.00 MB

More

(used to delete files and postings)


In caso di morte apparente della sezione, ripiegate su 8kun.top/ita/


/his/ - Filone Storico Italico Lupo Lucio 02/20/2020 (Thu) 21:39:36 ID: 5d9cbd No.2652
Ho sentito da più fonti che il Cristianesimo sia stato la condanna a morte per l'Impero Romano. Al di là della motivazione storica, viene attribuito anche un pesante contributo alla distruzione tecnologica e culturale Romana che non è stata possibile recuperare se non centinaia di anni dopo. Ma nonostante ciò, le popolazioni barbariche che assogettarono il resto d'Europa si sono integrate un sacco sia nei sistemi sociali che nell'uso delle tecnologie locali. Quindi, vorrei sapere da voi Lupi, cosa ne pensate esattamente? Il Cristianesimo è o non è stato la causa della perdita di tecnologia oppure è solo un memo portato avanti dai LARPagani? (e come lo si traduce LARPagano?)
In Declino e caduta dell'impero romano di Gibbon si ritiene che la forza delle comunità cristiane nel far crollare l'impero romano derivasse dalle raccolte di denaro delle questue. Mi è sempre parsa una cosa interessante e mai approfondita abbastanza da nessuno.
>>2655 Io seguendo Sir John Glubb ho sempre pensato che fosse più una caduta "naturale" dato che erano diventati troppo grandi per il loro stesso benessere. Però a dire il vero ho rivalutato molto il suo lavoro sul Fato degli Imperi o come sia tradotto in Italiano, più che delle linee guida come le interpretano in troppe persone (specie /pol/acchi) io la vedo più come una questione probabilistica - se arrivi alla fase dell'Intelletto, l'ultima tra quelle definite dal messere, ci sono alte probabilità che il tuo sistema crolli su sé stesso - ma ho notato anche civiltà che hanno subito una involuzione in uno stato antecedente dopo il loro apparente crollo e la loro rinascita li ha portati allo stesso stato di prima, uno su tutti l'America post Wall Street.
>>2656 Non la vedrei come un crollo naturale, primo perché l'impero d'oriente è continuato e poi perché credo che l'idea di crollo sia più nostra che loro, già durante i periodi repubblicani le guerre civili e le invasioni erano più o meno all'ordine del giorno e anche dopo l'idea dell'impero d'occidente è comunque proseguita sotto altre forme fino al medioevo seppur con capitali diverse da Roma. Alla fine i romani non avevano nemmeno una vera e propria idea di nazione. Voglio sperare che tu non sia quello con cui stavo discutendo finora di queste stesse cose sul quarto canale.
Io l'unica cosa che posso dire, è che i "barbari" per lo più vedevano l'impero come un obbiettivo e infatti anche dopo la caduta per molti anni si sono mantenuti diversi usi e costumi già esistenti, seppur riadattati ai tempi che cambiano. Tra l'altro barbaro ha la stessa origine di balbuziente, e infatti indicava chi non sapeva la lingua e improvvisava in qualche modo.
>>2652 io non so se dare tutta la colpa ai cristiani. certe cose succedono e basta. considera che i greci ai tempi di cicerone facevano questa roba https://it.wikipedia.org/wiki/Macchina_di_Anticitera oppure considera le cose che hanno fatto gli antichi egizi... a loro cos'è successo? sono diventati cristiani pure loro? io personalmente incolpo la "pancia piena" che prima o dopo una civiltà arriva ad avere. la mancanza di cose come la stampa che permettono di copiare e distribuire in grandi numeri libri, informazioni e quant'altro. e forse la mancanza di un "metodo scientifico", una maniera comune e diffusa di vedere, processare e acquisire nuove conoscenze. onestamente...la politica degli ultimi imperatori, con qualche eccezione, era quella di gente a cui non fregava più un cazzo. se poi consideri che...molti dei barbari invasori...erano una qualche sorta di rifugiati... https://it.wikipedia.org/wiki/Visigoti#Accolti_nell'Impero_romano onestamente non so cosa pensare.
>>2695 La storia della madre di Costantino è abbastanza indicativa di quanto i cristiani abbiano influito sulla situazione come comunità mentre prima di allora le lotte di potere erano solo a livello familiare o di gens. Quella dei barbari come poveri migranti mi pare più una trovata petalosa di tipo orwelliano dei nostri tempi.
>>2736 no... se ti leggi il trafiletto fino alla fine o magari la vita di alarico...vedrai chiaramente che come al solito le cose sono più complicate di così e che si è trattato di una serie di pugnalamenti alle spalle reciproci...dove i barbari non ne escono troppo male. poi ti trovi delle figure drammatiche come https://it.wikipedia.org/wiki/Stilicone.
>>2695 >https://it.wikipedia.org/wiki/Macchina_di_Anticitera A volte mi viene da pensare che moltissime tecnologie anche avanzate rispetto a quelle che abbiamo siano andate perdute perchè o i nostri precursori trovarono un'alternativa più economica o semplice, finirono le risorse e nessuno sapeva più come risolvere certi problemi, o perchè qualche epidemia o catastrofe li ha colpiti e tutte le persone specializzate sono morte mentre quelli più menefreghisti si son salvati... Mi piacerebbe molto avere un'intero fossato dedicato esclusivamente all'artigianato ed alle cose tecniche, salvato stile banca dei semi (pittura correlata) così da poter far tornare l'uomo allo stesso livello tecnologico a cui era prima di qualsiasi evento nefasto, un po' alla Dr. Stone. https://en.wikipedia.org/wiki/Svalbard_Global_Seed_Vault >antichi egizi l'egitto esiste da più tempo della cina ed entrambi i popoli esisteranno anche quando tutti gli altri stati moriranno.... poi considera che gli antichi egizi, gli egizi del periodo classico e gli egizi post classico sono rispettivamente africani (non kangz), greci ed arabi in diverse percentuali... >se poi consideri che...molti dei barbari invasori...erano una qualche sorta di rifugiati... Anche questa è un po' una feik nius, considerato che, finite le razzie, la prima cosa che i barbari invasori hanno fatto è prendere le istituzioni romani come modello di riferimento per "romaneggiarsi".
Il vero problema è che esistono negri, barbari, cinesi, indiani ed ebrei. Senza di loro si continuerebbe a darti addosso ma non a questi livelli di disfacimento. Per crescere come società dobbiamo diventare omogeni.
>>7404 per rifugiati intendevo che effettivamente stavano migrando, pare con qualcuno di quei gruppi di centauri delle steppe attaccati al culo. poi chiaramente...rifugiati veri. di quelli che si sposta tutta la popolazione. poi è una storia brutta...fatta di finte, controfinte e fregature varie. ma specie per quanto riguarda i goti, l'idea è che avevano una buona fede che questi che stanno arrivando, difficilmente hanno.

Report/Delete/Moderation Forms
Delete
Report

Captcha (required for reports)

no cookies?