/ita/ - Sezione Italiana

Lupi Italiani, Memi Ilari, Ritratti di Rita Ciano

Disappearing posts should be fixed. Let me know if the issue persists on irc.rizon.net @ #julayworld.


Warrant canary has FINALLY been updated.


Roadmap: file restoration script within a few days, Final Solution alpha in a couple weeks.

Sorry for not being around for so long, will start getting back to it soon.

Max message length: 6144

Drag files to upload or
click here to select them

Maximum 5 files / Maximum size: 20.00 MB

More

(used to delete files and postings)


In caso di morte apparente della sezione, ripiegate su 8kun.top/ita/


Open file (33.46 KB 350x517 1287.jpg)
Lupo Lucio 11/13/2019 (Wed) 19:54:50 ID: 428f51 No.865
Diverso tempo fa (saranno passati 4 o 5 anni) venni a conoscenza del termine "gabusifonio" per indicare qualcosa di complicato (non necessariamente difficile) per portare a termine un compito concettualmente facile. È un termine usato solo da pochi, ma quando lo sentii le persone che lo usavano erano di particolare spicco nel contesto in cui mi trovavo. Le stesse lo hanno usato relativamente di recente, per cui so che non è stata un'illusione uditiva. Incuriosito da codesto termine, mi attivai per risalirne all'origine. Inizialmente le tracce non portavano da alcuna parte; infatti, l'unico elemento che trovai fu un nome in un elenco di musicisti. Fortunatamente, in tempi recenti sono riuscito a trovare un'altra pista: per caso trovai una scansione della "Guida del visitatore all'esposizione industriale del 1881 in Milano"; in essa, in un rigo abbastanza nascosto, si trova un riferimento a "un istrumento nuovo detto gabusifonio di G. Gabusi". A quanto pare il gabusifonio era veramente uno strumento musicale! Non solo, questa traccia è comprovata dal "Annuario scientifico e industriale" dell'anno 1879, in cui si nomina un brevetto presentato da Gabusi Giuseppe di Antonio, per anni 3. Infine, cercando tale persona, trovai un'altra lista di musicisti nel quale si nomina proprio il nostro, indicandolo come maestro di tromboni e, per un breve periodo, proprio di gabusifonio. Ahimé, questo é tutto quello che sono riuscito a trovare. Ogni traccia si interrompe o torna su passi già esaminati. L'immagine allegata è una foto del signor Gabusi, in compagnia di strumenti che non riconosco. Gradirei l'aiuto di voi Lupi nella ricerca di uno strumento alquanto elusivo, o almeno nell'identificare gli elementi della foto. Grazie e buone cose. Perdonami, lavoro coi tempi della burocrazia Italiana ~ Plafo
Edited last time by Plafoniera on 06/22/2020 (Mon) 13:33:12.
>>865
Pardon, nel primo paragrafo ho commesso un errore di battitura: "un compito concettualmente facile".
Scusate di nuovo.
Open file (98.72 KB 256x450 img000022.png)
>>865
>per caso trovai una scansione della "Guida del visitatore all'esposizione industriale del 1881 in Milano"
pdffino per favore? A meno che non sia quello di wikimedia
>Non solo, questa traccia è comprovata dal "Annuario scientifico e industriale" dell'anno 1879, in cui si nomina un brevetto presentato da Gabusi Giuseppe di Antonio, per anni 3.
Il tal Gabusi era per caso Milanese? Potresti provare a trovare la sua discendenza, usando i censimenti o i catasti o cose simili ed assumendo che si trovasse proproi in quel di Milano o dintorni. Magari un suo parente ha ancora in suo possesso il Gabusifonio.
Inoltre, dato che hai trovato tale definizione, ti consiglio di pubblicarla sul Wiktionary e vedere da lì se i Wikipediani sappiano qualcosa al riguardo. Faranno pena su temi razziali o politici, ma su musica e scienza non li batte nessuno.
In ultima battuta, propongo di porre la questione anche a quelli di /mu/. Non si sa mai, magari qualcuno di loro ha un soundfont apposta per lo strumento. Solo dall'immagine sembrerebbe un misto tra la Tromba ed il Corno.
>>869
>A meno che non sia quello di wikimedia
È quello.
>Il tal Gabusi era per caso Milanese?
Non so dove nacque, ma visse in quel di Bologna. Magari un Lupo bolognese ci potrebbe aiutare; a me risulta praticamente impossibile recarmi là.
>Solo dall'immagine sembrerebbe un misto tra la Tromba ed il Corno.
Il fatto è che non so se quelli siano veramente gabusifonii. Se lo fossero sarebbe certamente un passo avanti (lo strumento al centro della foto dovrebbe essere una tuba, se non sbaglio.)
>propongo di porre la questione anche a quelli di /mu/
Qui su Julay o da un'altra parte? Non frequento la sezione, quindi non so quale sito abbia la migliore.
>ti consiglio di pubblicarla sul Wiktionary e vedere da lì se i Wikipediani sappiano qualcosa al riguardo
Proverò descrivendolo come "strumento musicale inventato da Giuseppe Gabusi", o qualcosa di simile. L'altra definizione mi sembra un po' troppo astratta e temo la cancellazione del termine dal sito.
Grazie per i consigli, appena possibile li seguirò e vi darò notizie su eventuali risultati.
>>870
Se temi la cancellazione, prova ad aprire una discussione dove indichi la seconda opzione. Sono abbastanza disponibili se chiedi alle persone giuste.
Il /mu/ che frequento è quello di Julay, comunque, ma forse forse sarebbe conveniente il mezzocanale solo per questo.
>>865
mano a mano che leggevo, speravo si arrivasse alla parte dove si sentiva come suonava questo benedetto strumento.
detto tra noi, è la prima volta che lo sento. onestamente, mi sembra una cosa particolare al punto che già chiedere a chi l'hai sentita nominare, è un'indizio per conto suo. specie se consideri che non figura nemmeno nei dizionari...
Proviamo: >>>/mu/194

>>872
Purtroppo non posso chiedere a chi me lo fece conoscere, altrimenti penso non avrei avuto bisogno di chiedere aiuto su un fotoforum (o forse sì, ma certamente con maggiori informazioni.)
Mi spiace aver deluso le tue aspettative di sentir suonare il gabusifonio.
>specie se consideri che non figura nemmeno nei dizionari...
Molte espressioni e parole non vengono riportate. In certi casi è perché viene usato solo da un gruppo molto limitato (come il gabusifonio), altre volte è perché cadono in disuso e quindi figurano solo in quei dizionari particolarmente completi.
>>966
>Purtroppo non posso chiedere a chi me lo fece conoscere


non per farmi i fatti tuoi, ma nel tua affissione originale menzioni il fatto che l'hai sentito nominare in due occasioni distinte, e con la stessa accezione...
era la stessa persona?
>>969
No, erano persone diverse. Sono colleghi di lavoro però, quindi può darsi che uno l'abbia sentito dall'altro o entrambi l'abbiano "ereditato" da un'altra persona che conoscono.
Rimane comunque il fatto che non posso andare a chiedere direttamente.
Lo so, sono molto evasivo, ma che ci posso fare se sono in questa situazione...
>>974
>quindi può darsi che uno l'abbia sentito dall'altro


probabile. e capisco la circospezione sul luogo di lavoro.
Ho avuto modo di parlare con una persona esperta di strumenti che non ho potuto incontrare quando ho scoperto la foto nel PQ, e mi ha detto che i due strumenti ai lati sono tromboni a cilindri e quello nel mezzo è un filicorno tenore, anche noto come bombardino.
Oltre a quello, ho anche scoperto che un gabusifonio ha fatto parte della collezione di strumenti di Alessandro Kraus (figlio) a Firenze, ma degli oltre 500 strumenti della collezione ne sono sopravvissuti solo una cinquantina e non so se il gabusifionio sia tra essi.
Inoltre, un articolo mal scritto mi fa credere che i gabusifonii siano nominati in "Istituti, bande e società - Studi sulla musica a Benevento tra il 1561 e il 1961", un libro di tale Enrica Donisi. Se da qualche parte esistesse un PDF potrei continuare le ricerche, ma non trovo nulla.
>>1089
Cercando il bombardino sul web mi dice che è baritono e non tenore.
Beh capita di sbagliarsi, comunque non sono gabusifonii.
>>1089
>Ho avuto modo di parlare con una persona esperta di strumenti che non ho potuto incontrare quando ho scoperto la foto nel PQ, e mi ha detto che i due strumenti ai lati sono tromboni a cilindri e quello nel mezzo è un filicorno tenore, anche noto come bombardino.
Peccato, speravo ci portassero più vicini alla scoperta.
Ma non potrebbe semplicemente essere un misto o versione riadattata dei due strumenti in foto?
Open file (396.50 KB 800x717 gabusifono.jpg)
Le ricerche hanno raggiunto la fine.
Signori e signore(?), il gabusifonio, anche noto come gabusifono in alcuni scritti.
Da quanto risulta, il gabusifonio appartiene alla famiglia degli eufoni.
Secondo diverse fonti, gli eufoni sono strumenti recenti: i primi prototipi risalgono circa all'800 e vennero perfezionati nel '900, quindi presumo che il gabusifonio fosse un "istrumento nuovo" nel senso che fu uno dei tanti eufoni prototipi.
La provenienza reale dell'immagine (ovvero dove sia effettivamente stata scattata) è ignota, ma è collegata al Museo degli Strumenti Musicali di Leipzig; infatti, cercando nella base di dati del MIMO, il sito che raccoglie tutti gli strumenti musicali noti, ci viene detto che lo strumento fu esposto in tale museo.
Tuttavia, la stessa ricerca ci dice anche che lo strumento fu perso durante la guerra.
Nonostante questo sono felice: sono riuscito ad arrivare in fondo alla questione e seppure non credo sarò mai in grado di suonare un gabusifonio, almeno nel futuro prossimo, voglio essere ottimista e sperare che qualcuno che possiede i mezzi, guardando questa foto sia in grado di ricreare un gabusifonio.
Come nota finale, vorrei scusarmi in quanto per colpa mia, cercando "gabusifonio" sul web questa sezione su questo sito è tra i primi risultati della ricerca...
>>1109
il PQ consengna, la cosa che non si capisce è la supposta complessità dello strumento.
>>1126
Mah, va detto anche che l'altro significato non è necessariamente collegato al fatto che il gabusifonio sia uno strumento musicale.
Oppure magari il gabusifonio è complicato da suonare o qualcosa di quel genere, chissà.
>>1131
io non sono un'esperto, e nemmeno un principiante, ma a vederlo così, sembrerebbe che bisogna solo sapere da che parte si soffia.

lupi pratici di musica non bullizzate.
>>1144
Considera che una foto non potrà mai cogliere ogni singolo dettaglio.
Per farti un esempio, la tromba barocca se la vedi in foto sembra che si suoni semplicemente soffiando, ma se vai a vedere nel dettaglio scopri che da una parte ci sono dei fori che permettono di suonare note diverse; oppure una foto di un trombone non fa capire che la coulisse va spostata avanti e indietro per cambiare nota.
Andando su un'altra famiglia di strumenti, il violino cambia note premendo le corde, ma basta sbagliare di un millimetro che stona tutto; una foto non sarebbe mai in grado di far capire questo meccanismo a meno che non venga modificata in modo da evidenziare i dettagli.
Allo stesso modo, l'unica foto esistente del gabusifonio non ci dice se in quella spirale che compone il corpo dello strumento ci sia un meccanismo particolare che permette di suonare note diverse oppure no.
Credo che questo filone sia la seconda cosa più bella che abbia mai letto su Internet, grazie Lupo.
>>1149
la cosa che hai scritto ha perfettamente senso...
comunque grazie per aver perseverato nella ricerca.
>>1109
>Nonostante questo sono felice: sono riuscito ad arrivare in fondo alla questione e seppure non credo sarò mai in grado di suonare un gabusifonio, almeno nel futuro prossimo, voglio essere ottimista e sperare che qualcuno che possiede i mezzi, guardando questa foto sia in grado di ricreare un gabusifonio.
Direi che fatte queste ricerche, ti converrebbe proprio contattare gli editori di Wikipedia e mandare loro tutte le informazioni del caso. Sono contento che tu sia riuscito nell'impresa, Lupo!
>Come nota finale, vorrei scusarmi in quanto per colpa mia, cercando "gabusifonio" sul web questa sezione su questo sito è tra i primi risultati della ricerca...
Figurati, al massimo ci trovano e gli diamo due o tre torte in faccia ;)
>>1311
>Figurati, al massimo ci trovano e gli diamo due o tre torte in faccia ;)

rimane comunque un club esclusivissimo.
Open file (25.62 KB 390x188 totobeffardo.jpg)
>>1311
>Direi che fatte queste ricerche, ti converrebbe proprio contattare gli editori di Wikipedia e mandare loro tutte le informazioni del caso
Credo mi convenga creare la pagina io stesso e poi lasciare che gli esperti già presenti sul sito la espandano.
Dovrei lavorarci però... prima o poi, magari durante le vacanze.
Immagine scorrelata, avevo solo voglia di allegare qualcosa di visivo oltre al testo.
https:// it.wikipedia.org/wiki/Gabusifonio Beh, ci ho provato.
>>1711 Grazie per avere condiviso il tuo sapere e altro.
dici che ce l'hanno in questo museo? https://invidio.us/watch?v=3K3VdVbBOxw
>>1109 Alla fine hai continuato a cercarne il suono, Lupo? Magari ci potremmo fare un bel soundfont...
>>2077 Considerando che l'ultimo utilizzo noto risale alla fine del 1800 e che poi è stato letteralmente un pezzo da museo sino alla sua scomparsa, no, non ci ho neanche provato a dire la verità.
A Lupo Lucio Gabusi Giuseppe era il mio trisavolo. Ho del materiale. Ci possiamo mettere in contatto, se vuoi. La mia mail è mail rimossa dall'amministrazione Ciao M. Valeria Gabusi
Edited last time by Plafoniera on 02/16/2020 (Sun) 13:51:57.
Open file (331.60 KB 492x593 648.png)
>>2512 COSA
Open file (31.24 KB 1300x864 1547210744_xtodoubt.png)
>>2512 Nunn è o ver ma ij ci credo Siccome ormai in questo Mondo di Pagliacci succede tutto ed il contrario di tutto, voglio crederci. Hai qualche cosa per confermare la tua identità? Che so, una foto inedita del Gabusi o lo strumento stesso (per evitare di esporti troppo, s'intende)?
>>1109 >>865 >>1711 Ah e dato che dimenticai di dirlo al Lupo in questione: perchè non hai aggiunto le foto di Gabusi & Gabusifonio all'articolo? Cioè, magari avrebbe aiutato i Wikipediani a cercarlo meglio...
Open file (1.95 KB 177x155 sleuth.png)
SPETTA SPETTA SPETTA UN SECONDINO >>870 >Non so dove nacque, ma visse in quel di Bologna. Magari un Lupo bolognese ci potrebbe aiutare; a me risulta praticamente impossibile recarmi là. La Signora descritta da >>2512 è effettivamente di Bologna fonti: https://archive.is/UoiQe La faccenda si rende interessante, Lupi... C'è da chiedersi adesso come sia possibile che un fotofora visitato da una media di 30 persone (Diochannari inclusi) sia stato in grado di farsi riconoscere, ma il mio cappellino di alluminio non lo tolgo fino a prove concrete.
>>2512 SIGNORA SI STANNO ATTIVANDO
Open file (100.56 KB 296x316 Proto-Chio.png)
>>2512 Non so se si tratta di uno scherzetto simpatico di qualche mattacchione notturno, ma per evitare rogne ho eliminato la mail. Se il Lupo PQ fosse ancora interessato alla vicenda e non avesse contattato la qui presente, può semplicemente mandarmi un report. Ribadisco a tutti gli utenti di /ita/ di praticare OPSEC per evitare (ed evitarMI) rogne e se fosse necessario contattare individualmente qualche utente in particolare, di farlo utilizzando canali irc, mail temporanee o codificando in base64 le proprie credenziali. Ci tengo a sottolineare che non mi assumo alcuna responsabilità per perdite di dati sensibili se erroneamente affissi e che il doxing di altri utenti è reato (a meno che non siano informazioni pubblicamente reperibili). Detto ciò, se la qui presente è effettivamente chi dice di essere, le chiederei di prestare più attenzione. Questo è un forum anonimo di gente per bene, ma meglio stare sicuri.
Open file (40.66 KB 590x290 cyberbullismo.png)
>>2517 >un fotofora visitato da una media di 30 persone (Diochannari inclusi) sia stato in grado di farsi riconoscere cfr. >>1109 , l'ultima frase. >>2523 Avevo visto il messaggio della signora stamani e volevo contattarla con un indirizzo "anonimo" (nel senso che non ha il mio vero nome e congnome) appena potevo, ma mi hai tolto l'indirizzo prima che potessi farlo. Ti faccio un rapporto al tuo stesso messaggio con l'indirizzo che volevo usare, così mi passi i contatti della signora direttamente in privato lì. Immagine scorrelata.
>>2524 Oè t'è arrivato qualcosa?
>>2517 varrebbe la pena di dire che se scrivi gabusifonio su un qualche motore di ricerca... viene fuori questa discussione. lo so perchè l'ho fatto...perchè ero interessato... magari la signora ha cercato qualcosa sul suo antenato e siamo saltati fuori noi.
>>2528 A me non esce questo posto, anzi la pagina dopo la prima su google mi dà SPQRchan, che credevo fosse quel solito tipo di posto che copia ciò che viene affisso sulle IB ma dovrebbe essere semplicemente un altro URL per il nostro julay.world. A che posto compare?
>>2527 Sgus, sono stato inpegnato e ho potuto controllare solo ora. Mi sono arrivate ben due meil. Appena so qualcosa vi dico.
Mi ha contattato, dicendomi che c'è un articolo di Marco Tiella sul Gabusi nel Bollettino dell'Archiginnasio del 2004. Purtroppo non si trovano versioni digitali sul web (o forse l'ho mancato...) Poi sembra che esista una versione fisica dello strumento, ma l'ultimo avvistamento risale agli anni 70, proprio a Bologna.
Open file (2.09 MB 1647x2160 naptyan3.png)
>>2552 Posso sottolineare quanto dannatamente strana sia tutta questa situazione? E quanto sia incredibile la nostra ascesa nel panorama collettivo? Nel lasso di sei mesi, /ita/: >Si è riformata dalle ceneri ben tre volte, con una quasi definitiva >Ha aiutato immensamente nel far sopravvivere la 8chan Cup >Ha stabilito contatti diplomatici con i Giapponesi >Ha riunito tutti gli utenti persi dai tempi del blocco di 8chan dalla Postale >Ha contribuito alla conoscenza umana ritrovando strumenti musicali perduti & facendosi contattare dai diretti interessati >I suoi utenti hanno, senza aiuti esterni, ricostruito almeno cinque sezioni decadute, una buona parte delle quali dedite a tette e culi >È riconosciuta come parte integrante del Webringhè >Ha anticipato tempi e dinamiche del COVID-19 prima ancora di vedere che dicessero gli analisti >Ha predetto quasi l'intero andazzo di un programma RAI Ogni volta che vengo qui mi sento come se stessi giocando a Tropico 4 con il mondo che prega un isoletta sperduta in grado di compiere gesta impensabili. Dateci un annetto e diventiamo più importanti di Diocha, pure.
>>2557 Ah e ovviamente >Ha un team (vabbè un singolo) traduttore che ha già fatto un eccellente lavoro da solista nonostante le difficoltà, contro gli 0 degli altri fotofora Italici
Open file (42.13 KB 466x954 rita32.png)
>>2552 Ho cercato su una mappa il luogo dell'ultimo avvistamento dello strumento. Incrociando le informazioni datemi dalla signora con altre trovate sul web, ho scoperto che il posto è l'ex ospedale degli innocenti. Infatti negli anni 70 ci facevano teatro, ma tra che ora è in disuso e tra ristrutturazioni varie, pare che non ci sia più nulla dentro. Purtroppo, l'unico modo di avanzare che abbiamo è che qualcuno si rechi fisicamente a Bologna ed entri nel palazzo. E anche se fosse possibile, è da capire se tutte le stanze sono accessibili al pubblico. Tuttavia penso che se insistiamo sullo scopo storico-culturale della ricerca una mano ce la danno. Chissà. Se devo essere sincero, tutta questo ambaradan mi manda in fibrillazione: era tutto partito essenzialmente da uno scherzo, "ma tu l'hai capito che vuol dire gabusifonio?" "per me te lo sei sognato" (conversazione avvenuta realmente), e siamo finiti a fare gli archeologhi con qualcosa di concreto in mano.
>>2562 *archeologi
Open file (140.95 KB 205x568 dante_affranto.png)
>>2563 Sì.
>>2557 >Ha predetto quasi l'intero andazzo di un programma RAI quello...anche se il bingo era fatto veramente bene...non era al di fuori delle possibilità umane...
>>2562 non so dove sia 'sto posto, ma a marzo ci sono un paio di quelle giornate del FAI, dove in genere si aprono al pubblico luoghi non accessibili... magari il posto è nella lista.
Chiedo nuovamente dato che non ho ancora avuto risposta, ma esattamente qualcuno di voi non potrebbe farmi un bel salvaschermo della ricerca di gooooogle dove compariamo noi? Perchè nè startpage nè google mi restituiscono la sezione...
>>2571 Via d'Azeglio, davanti al tribunale (più o meno.) >>2668 È Qwant, ma compariamo pure su DuckDuckGo e un altro paio.
>>2571 A Firenze dovrebbe esserci un ospedale degli innocenti ma potrebbero anche essercene altri altrove.
>>2669 oh, ecco... per i lupi di poca fede...
Tiro una botta per rinvigorire l'orgoglio /ita/liano in questa lunga notte della democrazia
>>865 Tiro un'ultima botta sperando che qualche Lupo Bofognese sia disposto a rischiare la vita per la conoscenza.
>>7389 credo che parli di me. non sono bolognese. sono di reggio. le cose stanno così... avevo menzionato le giornate della fai... in cui vengono aperti al pubblico edifici non normalmente visitabili...chiaramente quest'anno causa kung flu, la cosa è andata a puttane. è un momento particolare e non sono esattamente nella posizione di spostarmi, ma sono ben disposto a farmi carico di mandare qualche email e fare qualche telefonata per cercare di localizzare il marchingegno. settimana prossima provo a fare un paio di telefonate e di mandare qualche email. l'unica cosa è che non essendo un esperto di strumenti a fiato, avendo a che fare con, presumo, non esperti di strumenti a fiato...spero di riuscire a spiegarmi.
>>7396 >spero di riuscire a spiegarmi. Propongo di istituire la fondazione G. Gabusi e di chiedere finanziamenti pubblici per pagare gite a Bologna e serate a ballerine brasiliane.
>>7396 Non penso devi spiegare troppo... Se usi la posta elettronica puoi anche mandare il collegamento a (((wikipedia)))... Poi per il resto basta dire che è uno strumento andato perduto e sarebbe un guadagno per la città e la cultura italiana se fosse recuperato. O una roba del genere.
>>7399 adesso vedo cosa posso fare. domani devo litigare con il mio fornitore di luce e gas. so quando inizio ma non so quando finisco. ma in settimana dovrei riuscire a dirvi qualcosa. >>7398 a me piace l'idea, ma più che altro per intitolare qualcosa a qualcuno misconosciuto dalla storia e dai colleghi. magari l'orpello era veramente >qualcosa di complicato (non necessariamente difficile) per portare a termine un compito concettualmente difficile. ma io non ho mai inventato o rielaborato niente a parte qualche cavolata sul lavoro.
>>7425 Non c'è fretta... è rimasto nascosto per due secoli, non credo scappi di punto in bianco. E poi un appunto: >concettualmente difficile. Ho commesso un errore nel PQ: non difficile ma facile. Infatti ho subito scritto >>866 Se uno dei grandi capi potesse correggerlo mi farebbe un favore.
Open file (56.28 KB 364x538 1590632703503.jpg)
>>7396 >è un momento particolare e non sono esattamente nella posizione di spostarmi, ma sono ben disposto a farmi carico di mandare qualche email e fare qualche telefonata per cercare di localizzare il marchingegno. Provaci se ti riesce, seguivo con interesse la vicenda. >>7399 >Se usi la posta elettronica puoi anche mandare il collegamento a (((wikipedia)))... Quoto tale Lupo.
Open file (46.20 KB 200x150 a7f.png)
>>7428 >Ho commesso un errore nel PQ: non difficile ma facile. Infatti ho subito scritto >>866 Se uno dei grandi capi potesse correggerlo mi farebbe un favore. Sgus
>>7685 >>7691 scusate la mancanza di aggiornamenti. quasi finito di traslocare. in realtà non è che ci voglia tanto a fare un sunto delle informazioni in nostro possesso e a passarle in quei due o tre posti dove la cosa potrebbe dare dei risultati, ma sto avendo parecchio a che fare con la burocrazia io stesso, e l'idea di avere a che fare con qualche ulteriore funzionario mi dava un leggero senso di nausea. adesso mi metto, anche perchè credo di essere uno dei pochi a non aver contribuito molto alla faccenda...
Open file (92.28 KB 773x602 bologna covid.PNG)
>>7706 allora, ecco le cose come stanno. sotto, nella pagina, c'era comunque un paio di indirizzi e-mail, da contattare. li contatto adesso, dando le informazioni che abbiamo e chiedendo delucidazioni, o dite che è meglio aspettare che certe cose riaprano?
>>10971 dimenticato il link
h ttp://www.comune.bologna.it/cultura/come-contattarci
>>10971 Contattali, tanto al più gli diciamo che siamo un social dedito a scambiarsi ragazze gatte beffarde
>>10971 Ma senti, secondo me ti conviene inviare una qualche lettera, magari iniziando con "faccio parte di un gruppo che" e poi spieghi in breve o in lungo quello che abbiamo alla mano, dici che sei della zona e quindi sei quello che ha la possibilità di "metterci la faccia" in quanto il trasporto da posto X a Bologna non sempre è possibile per gli altri, eccetera eccetera. Puoi anche inventarti robe che non abbiamo fatto, non è che ci offendiamo (forse.) Tanto anche se va male e ti dicono che solo loro possono effettivamente muoversi all'atto pratico, è comunque meglio di nulla.
>>10989 Perché mentire? Se uno si mantiene breve è a vantaggio sia proprio che della persona che deve leggere la mail.
>>10993 Era per dire che può fare quello gli pare e ha carta bianca su quello che viene detto ai bolognesi. Se proprio vuoi essere breve puoi dire "abbiamo trovato uno strumento musicale perduto <collegamento all'articolo su uichipedia> e sembra che a Bologna potrebbe esistere l'unica copia fisica rimasta" e vedi che ti dicono.
>>11020 era più o meno quello che contavo di fare...l'unica cosa che mi sarebbe piaciuto, era dare qualche delucidazione in più riguardo all'ultimo avvistamento. non perchè io dubiti dell'attendibilità del lupo che si è preso la briga di scavare, solo per agevolare la faccenda. comunque domani gli scrivo, e vediamo cosa succede.
>>11052 L'ultimo avvistamento è dovuto alla signora Gabusi che ci ha detto che ai tempi in cui era ancora attivo, il teatro che frequentava (da quanto ho capito come attrice) ne possedeva una copia fisica. Poi considera anche quello che scrissi qui: >>2552 . Se vanno a leggersi quel libretto sicuramente troveranno qualche indicazione migliore.
>>11055 Fatto, vediamo cosa diranno.
>>11088 ancora niente.
>>11133 ancora niente, aspetto qualche giorno di questa settimana e poi proverò un'altra strada.
Botta per interesse
Effettivamente se >>11221 potesse almeno dirci quale era l'altra strada...
Open file (182.34 KB 1200x675 con le cattive.jpeg)
>>12006 >l'altra strada

Report/Delete/Moderation Forms
Delete
Report

Captcha (required for reports)

no cookies?